Blog: http://VARVITALIA.ilcannocchiale.it

I partiti e la classe dirigente

L’attuale classe dirigente italiana è assolutamente inadeguata a governare ed è la principale causa della condizione in cui versa il paese.

Un sistema politico bloccato non permette un ormai indispensabile ricambio nelle istituzioni.

All’interno dei partiti non vi è democrazia.
Spesso ha luogo un processo di selezione avversa. Tendono ad affermarsi gli individui peggiori.
Riesce ad emergere con maggior facilità chi è disposto a compromessi,
chi non ha scrupoli, chi non disdegna la corruzione ed il voto di scambio.

Le candidature seguono spesso mere logiche di scambio.

I partiti non sono tutti uguali,
I politici non sono tutti corrotti,
Tuttavia non possiamo più limitarci a esprimere un voto ogni 2 o 3 anni.

Non è più sufficiente delegare ai partiti.
E’ necessario impegnarsi direttamente per il bene del paese.

VARV

Pubblicato il 21/9/2008 alle 12.41 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web