Blog: http://VARVITALIA.ilcannocchiale.it

UNA COSCIENZA ESIGENTE

L'articolo di Saviano (di cui abbiamo riportato uno stralcio), esprime molto bene la nostra esigenza, individuale e di gruppo, di impegnarci in prima persona.

Le nostre coscienze, da più o meno tempo, ci parlano in maniera molto chiara. Ormai non possiamo far finta di nulla. Proviamo quasi un senso di "disonestà".
Abbiamo raggiunto il punto di non ritorno. Non possiamo che andare avanti e cercare delle soluzioni. La delega data ad altri, non ci soddisfa più. 
Possiamo andare a letto, ma non siamo felici e neanche in pace.

Come dice Saviano, non possiamo stare qui solo a stabilire colpe. Vogliamo costruire, e vogliamo provarci in una maniera nuova. Vogliamo fare tesoro degli errori altrui e costruire diversamente. 

In effetti, se ci pensate, è solo questione di avere una coscienza esigente!

Pubblicato il 25/9/2008 alle 16.2 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web